TRENTAPERTRENTA=NOVECENTO 
Genere: Arte contemporanea – Collettiva
Periodo: dal 2 al 9 ottobre 2010
Galleria: Mostrarti
Via Santa Maria in Monticelli 66 – Roma

Vernissage: sabato 2 ottobre 2010 ore 18.30 (Cocktail)

Orario di apertura – dal lunedì al sabato – 16.00 – 20.00
Ingresso: libero


A cura di Antonietta Campilongo
Presentazione – Pier Maurizio Greco
Organizzazione – Ufficio Stampa: 
 www.nwart
Performance:
monoVOLTAneraPAGINAbianca
Massa e proiettile in corpo universale
performance lunga un secolo lungo un istante
di artisti§innocenti
(vincenzo de luca, daniela de paulis, rita mandolini,carlo massaccesi, netto piacentini, francesca saracino, fogli bianchi) 

Special Guest: – Antonio Ceccarelli – Costellazioni Sotterranee

Antonio Ceccarelli crea la maggior parte dei suoi lavori con materiali di riciclo (vetro, plastica, legno di scarto, vecchi giocattoli, foglie, silicone, ecc.) regalando, non solo alla cosa “riutilizzata” ma anche a chi fruisce di queste creazioni, una nuova vita, un nuovo modo di approcciarsi all’arte.
La saggezza della luna e il granchio , per esempio, è un’istallazione composta da silicone, tappi in plastica e altri elementi extrapittorici in cui l’intesa con lo spettatore è emotivamente forte perché i materiali sono supportati scenograficamente da giochi di luce e ombra. La relazione che viene a crearsi tra l’uomo, l’opera e l’ambiente è suggestiva e non lontana dalle realizzazioni provenienti dall’arte ambientale.
L’artista dà origine a un paesaggio lunare assolutamente autentico, uno scenario idilliaco dove tutti vorrebbero rifugiarsi; anche il granchio, dopo essere fuggito da una terra malata, si andrà a purificare tra le braccia della luna. Prima che la natura si ribelli totalmente alle supremazie dell’essere umano, l’unica cosa da fare è cercare di intervenire auspicando un cambiamento. Ceccarelli vede nell’arte una possibile riflessione sull’attuale condi¬zione ambientale.

Lisa Falone

Artisti:
Federico Aprile, Roberto Angiolillo, Liliana Avvantaggiato, Rosella Barretta, Rossana Bartolozzi, Marco Bettio, Maria Grazia Benvenuti, Antonella Boscarini, Elena Bonuglia,
Lorenzo Brini, Agnese Bruno, Nello Bruno, Paolo Camiz, Maria Cecilia Camozzi, Antonietta Campilongo, Adriana Cappelli, Silvia Castaldo, Cristina Castellani, Antonella Catini, Antonio Ceccarelli, Ciro Cianni, Nellì Cordioli, Paola de Santis, Francesco D’Ermo, Alfredo Di Bacco, Massimiliano Doria, Silvia Faieta, Gianluca Fiorentini, Daniela Foschi , Catia Ghinelli, Andrea Greco, Pier Maurizio Greco, Angelo Ingrasci, Edoardo Iosimi, Maria Adelaide Lamesa, Luigi Latino, Luciano Lombardi, Francesco Mestria, Lia Mancuso
, Stefania Isabella Massoni, Cinzia Mastropaolo, Paolo Mazzucato, Mariella Miceli, Anita Manachino, Stefano Montagna, Sante Muro, Giovanni Novi, Melita Olmeda, Ilaria Pergolesi, Vincenza Policardi, Elettra Porfiri, Maria Teresa Protettì, Loredana Raciti, Eugenio Rattà, Luigina Rech, Patrizia Ricchiuti, Daniela Romano, Massimiliano Stracquadanio, Barbara Sbrocca, Stefania Scala, Angela Scappaticci, Linda Schipani, Marianna Schuderi, Irene Taddei, Togaci.

TRENTAPERTRENTA=NOVECENTO/ Opere da MostrArti

TrentaperTrenta=Novecento torna a Roma. Il 2 ottobre prossimo, nei suggestivi spazi espositivi MostrArti di Roma, si aprirà il sesto ed ultimo appuntamento di questa mostra itinerante a cura di Antonietta Campilongo, con un testo di presentazione di Pier Maurizio Greco. Dopo Roma, Hangzhou (Cina), Berlino, Lubjana e Crnomelj (Slovenia), il prossimo evento romano, allestito in questo nuovo spazio espositivo, conferma il prestigio e i consensi ricevuti nelle diverse sedi internazionali.
L’esposizione raccoglie una selezione di opere di pittura, scultura, installazioni, video, fotografia e arte digitale. Tutte rigorosamente quadrate, nella misura assegnata di cm 30 x 30, richiesta anche nelle opere tridimensionali. Il tema della mostra, incisivamente suggerito dal prodotto aritmetico dei due lati del formato scelto, è un omaggio al Novecento. Una riflessione dedicata ad un secolo che ha visto nelle varie categorie storiche uno sconvolgimento radicale che ha infranto schemi linguistici e tematici, percorso distanze in grado di modificare definitivamente teorie etiche, forme e declinazioni del pensiero e della comunicazione. Per quanto riguarda in particolare l’arte figurativa, le infinite sollecitazioni portano ad un vortice di onde espressive, a traiettorie che disintegrano o ricostruiscono la forma. Pensiamo ad esempio alle Avanguardie, all’Astrattismo, all’Informale; alla Pop, all’arte Concettuale, alla Video arte, ai movimenti performativi, ai graffiti, alle installazioni o alle manipolazioni digitali. Poco o nulla è rimasto “inesplorato”. Movimenti, formazioni, gruppi di lavoro hanno utilizzato ogni “sistema” per dare o “non dare” un senso alle proprie opere o manifestazioni. In questa mostra, gli artisti presenti si confrontano con un panorama immenso. In trenta centimetri per trenta, piccole finestre affiancate, teorie di sguardi puntati sull’oceano.

Pier Maurizio Greco

info:   www.mostrarti.it   /  www.nwart.it 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...